venerdì 15 novembre 2019

Tag: Filippo Lorrai

“The Greatest”: storia di Steve Marriott (parte prima)

“Steve Marriott è stato il miglior cantante che questo paese abbia mai prodotto.” (David Bowie) “Non andavamo d’accordo. Mi sono azzuffato con lui un paio di...

Jan & Dean, la nemesi della California

Gli Stati Uniti dei primi anni Sessanta sono terra di dominio incontrastato dei Beach Boys e delle loro melodie festose, rigorosamente disimpegnate. Subito dopo...

Freedom, psichedelia dell’Eros

Londra, estate 1967: gli esordienti Procol Harum travolgono la summer of love con il singolo A Whiter Shade of Pale, scritto dal fondatore Gary Brooker. Un successo planetario,...

Treat her right, il cuore fragile del blues

I Morphine sono stati una delle band più originali e innovative degli anni Novanta. Nati nel vivace ambiente musicale di Boston, si sono imposti...

Gun, il trio che gareggiava col diavolo

Marzo 1969: il singolo Race with the Devil sconvolge il mondo della musica e guadagna il primo posto delle classifiche in Gran Bretagna. È...

Q65, la rivoluzione elettrica del Nederbeat

Volevo essere famoso 40 anni fa, non ho mai pensato di diventare ricco, ora sono famoso e non ho un penny in tasca, così...

The Ventures, i profeti del surf

È la band strumentale che ha venduto più dischi al mondo (oltre cento milioni di copie), ma provate a chiedere in giro se qualcuno...

Comus, l’atroce baccanale folk

Rise up Comus, sing your song / Bewitch the maiden, the day is long
Cast your spell, sweet music crack / Her virtuous shell (Song to...

Shakespeare e Morfeo

Il fumetto può essere accostato alla letteratura o è destinato a rimanere per sempre un’arte minore? È un quesito vecchissimo e ampiamente dibattuto: come...

Heaven, la band perduta

Un ingresso a volta con il cancello aperto. Sette uomini in ombra sul sentiero fangoso, scarpe a punta, pantaloni a zampa. L’intera immagine immersa...

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e servizi terzi maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
ilMalpensante rispetta la privacy dei suoi visitatori in accordo alle direttive Europee sulla privacy ed utilizzo dei Cookies.
Di seguito vi diamo qualche delucidazione sulla nostra policy sull’utilizzo dei cookies, cosa sono e come usarli.

Che cosa sono i cookie?
Un cookie è un piccolo file che un sito web invia al computer del visitatore per memorizzare brevi stringhe di testo. I cookies sono sicuri e non possono danneggiare il computer degli utenti, rubare informazioni o violare la privacy del visitatore. I cookies sono utilizzati esclusivamente per memorizzare alcuni dati relativi alla visita dell’utente per fini statistici (ad esempio le pagine visitate) e per migliorare l’utilizzo del sito.

Perché utilizziamo i cookies?
Lo scopo primario è quello di rendere il nostro sito più efficace e di capire meglio i nostri visitatori, per rendere le informazioni ed i servizi più efficaci e puntuali.

Che tipo di cookie usa ilMalpensante e perchè?
Usiamo diversi tipi di cookie per vari motivi:
ilMalpensante utilizza dei cookies di sessione, ossia i cookie temporanei che decadono e vengono cancellati automaticamente ogni volta che si chiude il browser e si termina la visita. Questi cookies sono solo finalizzati a migliorare l’uso del sito, l’accesso ai contenuti e consentire commenti al blog. Utilizziamo in alcuni casi dei cookie permanenti. Questi cookies hanno una data di scadenza e quindi possono rimanere nel tuo browser fino alla loro scadenza, o fino a quando non vengono eliminati manualmente.

Quali altri cookie potrei incontrare su questo sito?
Abbiamo impostato su questo sito alcuni servizi di terze parti e di condivisione sociale (ad esempio Facebook) o alcuni servizi di tracciamento di Google per migliorare le statistiche di utilizzo del sito. In questo caso, servizi terzi come Facebook, Google, Twitter, Pinterest possono usare dei cookies per finalità di condivisione dei contenuti (ad esempio permettere la vostra autenticazione su Facebook).

ilMalpensante usa questi dati per fini pubblicitari?
No. I dati comportamentali ricavati dal nostro sito non sono ceduti a terzi od utilizzati per nessun fine commerciale.

Come posso cancellare o disattivare i cookies?
Se si desidera eliminare o disabilitare i cookie, vedere: www.allaboutcookies.org

Se disattivo i cookies il sito funzionerà ugualmente?
E’ possibile visitare il sito anche senza abilitare i cookies, tuttavia alcune funzionalità avanzate possono risultare disabilitate in quanto richiedono i cookies abilitati.

Dove posso trovare maggiori informazioni sui Cookies?
Puoi accedere alla direttiva europea online sui cookies, cliccare sul seguente link.

Per maggiori informazioni sui cookies o su come implementare il controllo dei cookies sul vostro sito web, vi preghiamo di scriverci a info@ilmalpensante.it

Chiudi